blog Tiscali…primo amore.

Son passati quasi sette anni da quando decisi

d’imbattermi in quest’avventura del blog….

una sorta di viaggio su un treno che ha fatto

molte fermate dove sono saliti e scesi tantissimi

viaggiatori.

    C’è chi ha scritto per un mese, un anno e chi

è ancora quà.

   Non so perché ma questo treno immaginario mi fa

pensare al celebre ” Orient- Express “che nel suo

lungo tragitto da Parigi a Istanbul è stato testimone

involontario di vari avvenimenti e per me il blog

è stato appunto luogo d’incontro di varia umanità,

luogo di confronto, dandomi il piacere di conoscere

tante persone, regalandomi una grande emozione

nel conoscerne qualcuna dal vivo, toccando con mano

ciò che era virtuale.

   Sebbene abbia scritto con soddisfazione  anche da

un’altra parte, il blog di Tiscali conserva per me

un grande valore affettivo proprio per i miei primi

passi nel web e lo considero un pò come il primo

amore… che non si dimentica mai.

 

 

se potessi….

 

Se potessi regalare la speranza 

       mi piacerebbe darne tanta 

  a quanti non hanno la forza

per far sentire la propria voce, 

 a quanti soffrono in silenzio, 

 a quanti credono ancora nella Giustizia.

“Speme….ultima Dea!”

 

20 anni dopo….per non dimenticare

 

Vent’anni fa, esattamente il 23 maggio 1992, con 500 chili di tritolo la Mafia faceva saltare in aria l’auto del Giudice Falcone su cui viaggiava anche sua moglie e i tre agenti di scorta.

Sono trascorsi 20 anni ma la verità viene ancora ostacolata da depistaggi e mezze verità.

Queste poche righe non hanno la pretesa di riscrivere quello che hanno già fatto altri ma vogliono essere solo il segno tangibile della mia ammirazione per questo Magistrato a cui va il mio più profondo rispetto, come al suo collega Borsellino che solo dopo due mesi seguì analoga sorte perchè Cosa nostra aveva  deciso di eliminare il legittimo prosecutore del lavoro svolto da Falcone.

Venti anni dopo, per non dimenticare….

per divulgare l’evento alle nuove generazioni,

prima di consegnarlo alla Storia.

 

“Teorema” ancora valido

Prendi una donna dille che l’ami
scrivile canzoni d’amore,
mandale rose e poesie
dalle anche spremute di cuore,
falla sempre sentire importante
dalle il meglio, del meglio che hai,
Cerca d’essere un tenero amante
sii sempre presente risolvile i guai
e sta sicuro che ti lascera’

chi è troppo amato amore non dà…

 

       
un “teorema” sempre attuale!

(anche se si invertono i soggetti)

blowing in the wind

In questi giorni ci sono delle parole di una vecchia canzone

che mi frullano in testa:

“how many roads must a man walk down

before you call him a man?”….

e mi rendo conto che è attualissima, almeno per me.

La disillusione insita  nel messaggio

che voleva trasmettere all’epoca in cui fu scritta,

 io la vivo ogni giorno

nel lavoro,  nella vita

e mi rendo conto di percorrere ancora  quelle strade

tante, lunghe, tortuose  nonostante sia passato molto tempo,

( non sono più ai tempi della scuola )….

come è difficile confrontarsi,

prima di parlare devi ponderare ogni parola,

poi devi difenderti dai falsi amici.

Mi piacerebbe spazzare via tutto

soffiando nel vento come dice il titolo

per restituire un po di serenità a un’anima sempre in lotta

ma mi rendo conto che non è così semplice….

 

          

 

 

 

non mi interessa…

Non mi interessa cosa fai per vivere,

voglio sapere per cosa sospiri

e se rischi il tutto per trovare

i sogni del tuo cuore.

Non  mi interessa quanti anni hai,

voglio sapere se ancora vuoi rischiare

di sembrare stupido

per l’amore, per i sogni,

per l’avventura di essere vivo….

(Anonimo)

       

 

….e Dio mi fece Donna

E Dio mi fece donna, 
con capelli lunghi, occhi, naso e bocca di donna.
 Con curve e pieghe e dolci avvallamenti e mi ha scavato dentro, 
mi ha reso fabbrica di esseri umani.
 Ha intessuto delicatamente i miei nervi 
e bilanciato con cura il numero dei miei ormoni. 
Ha composto il mio sangue e lo ha iniettato in me 
perché irrigasse tutto il mio corpo; 
nacquero così le idee, i sogni, l’istinto.
 Tutto quel che ha creato soavemente a colpi di mantice
 e di trapano d’amore, le mille e una cosa che 
mi fanno donna ogni giorno 
per cui mi alzo orgogliosa tutte le mattine 
e benedico il mio sesso.
(Gioconda Belli)
 

Un omaggio personale alla figura femminile.

tra i pensieri sparsi…

Mi capita spesso di immergermi nei miei pensieri tanto da non sentire quello che succede intorno; è un pò come mettere i pensieri in libertà e osservarli a distanza.

“dottò, possiamo entrare?” 

io immerso nelle mie carte e nei soliti pensieri, non avevo sentito neanche bussare alla porta;

“dottò, possiamo?”

“prego…. prego, accomodatevi!”

Erano gli addetti alle pulizie….(che figuraccia!) 

   

Alessandra Appiano

la mia scrittrice preferita….

 

“la più bella della classe”…..

secondo le testimonianze dei suoi compagni di Liceo.

Spesso presente come opinionista nei pomeriggi televisivi.

(tra i suoi libri ricorderei “le belle e le bestie”)

Maria Grazia Capulli

la mia telegiornalista preferita…